Novità esami neurologici : elettroneurografie – elettromiografie – Poligrafica dinamica ambulatoriale

Novità: presso il nostro poliambulatorio sarà possibile effettuare i seguenti esami eseguiti dal Dr Enrico Cavallo Medico Chirurgo Specialista in Neurologia

Elettroneurografia – Elettromiografia:

elettroneurografia pinerolo san lazzaro medica eng

L’elettrofisiologia ha lo scopo di fornire un supporto nella diagnostica e nel follow-up delle malattie del sistema nervoso centrale e periferico: l’elettroneurografia e l’elettromiografia sono esami basati sull’analisi dell’attività bioelettrica del sistema neuro-muscolare. L’esame elettroneurografico (ENG) consiste nello studio dei nervi periferici attraverso l’utilizzo di elettrodi di superficie applicati sulla cute e la stimolazione dei suddetti nervi con correnti elettriche di basso voltaggio. L’elettromiografia propriamente detta (EMG) viene effettuata inserendo un agoelettrodo monopolare (monouso) in alcuni muscoli del corpo per valutarne la funzionalità; si tratta di una procedura minimamente invasiva che comporta alcuni piccoli rischi (ematomi, dolore), peraltro molto rari.

 

Poligrafia Dinamica Ambulatoriale:

-home-testing-sleep-apnea pinerolo san lazzaro medica neurologo cavallo enrico

Il monitoraggio cardiorespiratorio notturno (o poligrafia dinamica ambulatoriale) consiste nella registrazione notturna, protratta, di diversi parametri utili a identificare la presenza di disturbi respiratori nel sonno (in particolare la sindrome delle apnee ostruttive – OSAS) o di alcuni altri comuni disturbi del riposo notturno (es. movimenti periodici agli arti). Al paziente viene applicato un apparecchio dotato di diversi sensori con il quale dovrà dormire una notte intera e che riconsegnerà il giorno successivo. La diagnosi di sindrome delle apnee notturne è di fondamentale importanza non solo per l’alto impatto sociale (incidenti stradali dovuti a ridotta vigilanza e/o colpi di sonno), ma anche per i numerosi effetti dannosi che produce sulla salute in generale e sul rischio cardio- e cerebrovascolare in particolare.

HOME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *