Frutta rossa per una primavera sprint

dieta primavera pineroloIl rosso è il colore dei frutti primaverili con più proprietà utili a ritrovare forma fisica e benessere.

Scrigno di preziosi nutrienti la frutta, dolcissima di questa stagione,  spesso contiene il segreto che ci rende sazi, contrasta fastidiosi inestetismi e ci permette di fare il pieno di energia.

Largo in tavola, dunque, a fragole e ciliegie al mattino insieme a yogurt o latte, come spuntino a metà mattina o a merenda per combattere la fame, la stitichezza ed il gonfiore addominale.

Partiamo dalle pochissime calorie, infatti, introdurre questi frutti nella dieta significa apportare, con dolcezza, un grande taglio alle calorie consumate. Parliamo di soltanto ventisette calorie, contenute in cento grammi di fragole e di sole trentotto calorie in  cento grammi di ciliegie.

La ricchezza di fibre delle fragole e delle ciliegie è la loro qualità più importante, infatti, rallentano l’assimilazione degli zuccheri, saziano e favoriscono il transito intestinale. La ciliegia ad esempio contiene molte fibre idrosolubili che,  nello stomaco aumentano di volume creando quell’importante sensazione di pienezza che ci allontana da tavola e dalle calorie in eccesso.

La ciliegia, inoltre, contiene il prezioso acido malico, dalle tante proprietà, tra le quali prevenire la cattiva digestione e l’antiestetico gonfiore addominale, favorendo anche il funzionamento dell’attività epatica. Il potassio, di cui sono ricche, aiuta a ridurre i gonfiori e favorisce la diuresi, ricche anche di  vitamina A, C e di Levolosio uno degli zuccheri con più basso indice glicemico, quindi, saziano a lungo. Ricche di preziosi antiossidanti, utili a contrastare l’invecchiamento, a stimolare naturalmente la produzione di collagene. I fine sono ricche di calcio, di fosforo, di ferro e tanta acqua, rappresentano un vero elisir di bellezza e grazie alla melatonina, sono anche utili nel favorire il sonno.

Le fragole, invece, sono tra i frutti in grado di aiutare l’organismo  a ridurre la fame, infatti, sono entrate tra gli alimenti selezionati dal dott.or Leo Gallan, medico newyorkese, direttore di un’importante Fondazione per la medicina integrata, ciò, grazie alla capacità di stimolare la produzione di ormoni come la leptina che riducono la fame. Gli antiossidanti in essa contenuti, sono alla base della loro capacità di contrare le infiammazioni che inibiscono la produzione di ormoni della sazietà,  abbassando l’indice glicemico dei suoi zuccheri e quindi favorire la sazietà e gli ormoni che la favoriscono.

Ricche di vitamina C, drenano, saziano e contrastano la stitichezza in pochissime calorie e tanto gusto.

D.ssa Garifo Serena

HOME