ZUCCHERO O FRUTTOSIO? Serena Garifo Nutrizionista

ZUCCHERO O FRUTTOSIO?

fruttosio-dieta-garifo-san-lazzaro-medica-pinerolo

In frutta e verdura il fruttosio si trova insieme a fibre, vitamine,
minerali, enzimi e fitonutrienti benefici che moderano
gli eventuali effetti metabolici negativi. Ma non si può sostenere che faccia bene solo perché è lo stesso tipo di zucchero contenuto nella frutta, anche perché spesso viene estratto a partire dal mais, da cui si ottiene il fruttosio cristallino, uno sciroppo a elevato contenuto di fruttosio. Il problema nasce infatti quando il fruttosio, che ha un potere dolcificante 33 volte più forte del saccarosio ed è molto più economico, viene utilizzato in prodotti industriali alimentari e bevande cosiddette speciali, quelli che vengono venduti come dietetici e che l’immaginario comune ci dipinge come salutari.
Occorre evitare di usarlo in modo generoso come dolcificante, pensando che non faccia ingrassare o sia un toccasana. Può provocare danni al metabolismo, facilitando la deposizione di grasso attorno agli organi vitali, in particolare nella cellula del fegato (epatocita), sostenendo la progressione della steatosi epatica, il cosiddetto fegato grasso. Può anche favorire l’insorgenza del diabete e dell’obesità perché il grasso viscerale fa funzionare peggio l’insulina.

 

HOME