VARIAZIONI DI PESO, MISURE, METABOLISMO, ATTIVITA’ FISICA e altri dubbi …ecco le risposte che fanno chiarezza! SERENA GARIFO NUTRIZIONISTA

1. Perdere peso non significa solo perdere massa grassa, le variazioni di peso in una giornata o nell’arco di alcuni giorni sono legate più spesso all’acqua corporea. Mangiare del petto di pollo o della bresaola può avere un impatto diverso sul peso del giorno dopo. Si tratta di due preparazioni leggere ma quello che le differenzia è la quota di sodio, molto maggiore per la bresaola, che potrebbe farvi registrare un peso più alto sulla bilancia. Ma quel peso in più non è grasso ma acqua trattenuta, che sarà smaltita nei giorni seguenti.
2. Il peso corporeo letto sulla bilancia è la somma di massa magra muscolare, massa grassa, acqua corporea, ossa Dimagrire vuol dire perdere solo massa grassa, senza intaccare massa magra, ossa, acqua corporea totale (in particolare intra cellulare); è un errore considerare il peso=grasso.
3. Il metro fornisce maggiori informazioni sull’andamento del metodo di alimentazione consapevole più della bilancia. Addome e fianchi sono sedi di accumulo di massa grassa. Se perdiamo in cm in queste sedi vuol dire che stiamo riducendo grasso, anche se il peso resta invariato.
4. Ricordiamo: il metodo di alimentazione consapevole è necessario ma non è sufficiente a raggiungere il peso forma perché occorre assicurare adeguata ossigenazione e attività motoria giornaliera.
5. Con il passare degli anni si tende a perdere muscolo, in esso sono presenti i mitocondri che sono i “forni” che “bruciano” il grasso in eccesso; se manca muscolo, mancano i “forni” così il grasso non può essere eliminato. Quindi, bisogna eseguire attività motoria aerobica ed esercizi di resistenza per incrementare massa magra muscolare e fare nuovi “forni”.
6. Non si mangia solo per dimagrire ma per assicurare al nostro organismo tutte le molecole che lo compongono e che ci servono.

HOME