Malattie reumatiche autoimmuni, donne più a rischio degli uomini: controlli gratuiti l’11 maggio

Queste patologie non precludono la gravidanza e neppure la procreazione assistita. Ma le terapie vanno seguite con rigore. Negli ospedali con i Bollini rosa, 24 ore di servizi clinico-diagnostici e informativi

Le malattie reumatiche autoimmuni colpiscono prevalentemente persone di sesso femminile: tendono a comparire prevalentemente nella fascia di età 15-45 anni, nel periodo quindi che coincide con quello fertile della donna e con il pieno della sua attività lavorativa.

 

Si presentano con quadri clinici estremamente variabili, anche in termini di gravità e con sintomi non sempre facilmente riconducibili alla patologia principale. Queste malattie, quindi, influenzano notevolmente la qualità di vita della donna in senso negativo, impattando sul piano affettivo, familiare e lavorativo. Una diagnosi corretta, formulata precocemente, tuttavia, può limitare in maniera significativa il quadro clinico e i disagi che tali patologie possono comportare poiché consente di accedere alle cure in modo tempestivo. «Fino a qualche decennio fa, alle donne con diagnosi di malattie reumatiche autoimmuni, veniva fortemente sconsigliata la gravidanza.

 

Tuttavia le migliori possibilità di diagnosi e cura consentono oggi di mantenere queste patologie in remissione, cioè in fase silente, priva di sintomi, per lunghi periodi e dunque di poter pianificare con tranquillità una gravidanza- chiarisce Nicoletta Orthmann, Coordinatore medico scientifico di Onda – Questa è un’opportunità che le giovani donne con patologia reumatica autoimmune devono conoscere e che non deve essere preclusa sulla scorta del fatto che sono portatrici di una malattia cronica. Affrontare il tema della salute riproduttiva e della pianificazione familiare significa contribuire a migliorare la qualità della vita di queste donne e consentire loro di affrontare il proprio desiderio di maternità con maggior consapevolezza e con la dovuta serenità».

 

Ecco perché Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha scelto proprio la prossimità della Festa della Mamma, per offrire gratuitamente, tramite gli ospedali con Bollini Rosa, servizi informativi a tutte le donne su questa tematica. Per l’occasione è stata anche realizzata una brochure informativa «Malattie reumatiche autoimmuni: dalla pianificazione familiare alla genitorialità» che sarà distribuita negli ospedali Bollini Rosa e che potrà essere scaricata dal sito www.ondaosservatorio.it alla sezione «pubblicazioni».

 

Tutti i servizi offerti possono essere consultati sul sito www.bollinirosa.it

 

Malattie reumatiche e fertilità

Essere affetti da una patologia reumatica su base autoimmune non pregiudica in genere, la fertilità. Lo dimostra il fatto che il tasso di infertilità in queste pazienti è sostanzialmente sovrapponile a quello della popolazione generale.

 

Fondamentale per queste donne, però, è pianificare la gravidanza affinché possa essere avviata in una fase di remissione stabile di malattia (almeno sei mesi). Queste patologie, infatti, si caratterizzano per l’andamento costituito da periodi di riacutizzazione e altri di quiescenza.

 

«In questo senso la contraccezione riveste un ruolo strategico e presuppone una valutazione condivisa con il reumatologo e ginecologo di fiducia per la scelta del metodo più adatto nello specifico caso, in funzione degli aspetti clinici correlati alla malattia reumatica e ad altre eventuali patologie, dei fattori di rischio come ipertensione arteriosa, fumo, obesità e delle preferenze personali della paziente – spiega ancora la dott.ssa Orthmann- La gravidanza, quindi, va attentamente programmata e non deve essere motivo di sospensione della terapia anti-reumatica proprio perché la malattia materna in fase di remissione è il presupposto per ridurre al minimo i rischi e le complicanze ostetriche. Solo alcuni farmaci anti-reumatici sono potenzialmente tossici per il feto. La maggior parte si sono dimostrati sicuri in gravidanza e possono essere assunti con tranquillità.

 

Sarà quindi importante, sempre nell’ambito della pianificazione, discutere preliminarmente con il proprio specialista di fiducia la compatibilità delle cure in atto con la gravidanza e il rapporto rischi/benefici. Nel caso di infertilità, anche le donne con malattia reumatica possono accedere ai percorsi di procreazione medicalmente assistita (PMA), purché sia effettuata un’attenta valutazione preliminare dei rischi individuali e vengano attivate le dovute strategie per ridurre al minimo i rischi potenzialmente correlati alla stimolazione ormonale laddove si rendesse necessaria».

 

Le cure del «dopo gravidanza»

Ogni donna affetta da tali patologie deve essere consapevole che il periodo successivo al parto è estremamente delicato, caratterizzato da un aumentato rischio di riacutizzazione della malattia. «Ecco perché si raccomanda una programmazione regolare dei controlli reumatologici fino almeno ai sei mesi successivi al parto- puntualizza la dott.ssa Orthmann che conclude – Altro aspetto importantissimo su cui la donna deve essere informata e adeguatamente «preparata» è che accuserà maggior stanchezza e affaticamento e che avrà bisogno di aiuti in senso pratico e organizzativo. Il puerperio è un momento complesso, faticoso sul piano fisico ed emotivo per tutte le donne, ancor di più chiaramente per le mamme con malattia reumatica».

 

È bene puntualizzare inoltre, come l’allattamento al seno non sia controindicato, anche perché non favorisce la riattivazione della patologia di base. Solo alcuni e ben codificati farmaci sono incompatibili con l’allattamento come il metotrexato, la leflunomide, la ciclofosfamideb e il micofenolato mofetile. Essere seguite da un pediatra attento e da un reumatologo espertopermette anche a queste donne, di allattare in sicurezza senza mettere a repentaglio la salute e il corretto accrescimento del neonato.

HOME

PROSSIMA APERTURA PUNTO PRELIEVI CONVENZIONATO ASL

SIAMO LIETI DI ANNUNCIARE CHE A BREVE LA IRM DI PIANEZZA APRIRA’ PRESSO LA NOSTRA SEDE UN PUNTO PRELIEVI CONVENZIONATO ASL

PUNTO PRELIEVI IRM

PUNTO PRELIEVI IRM

 

ORARI E GIORNI DI APERTURA:

MARTEDI’ – GIOVEDI’ E SABATO DALLE 8 ALLE 11

COSA VUOL DIRE CONVENZIONATO ASL?

SI POTRANNO EFFETTUARE LE ANALISI DEL SANGUE CON L’IMPEGNATIVA DEL MEDICO DI BASE

COSTI

SI PAGHERA’ IL TICKET COME IN OSPEDALE, GLI ESENTI NON PAGHERANNO NULLA

DOVE RITIRARE I REFERTI

I REFERTI POTRANNO ESSERE VISUALIZZATI TRAMITE MAIL DIRETTAMENTE A CASA  SUL PROPRIO COMPUTER

HOME