Terapia con onde d’urto – nuovo servizio tutti i lunedì pomeriggio

Dott. Roberto Raffaele Boggio

Ciclo di 3 sedute ( 70€ l’una) Tutti i lunedì pomeriggio

TERPAI ONDE D'URTO PINEROLO SAN LAZZARO MEDICA

Le indicazioni terapeutiche sull’apparato muscolo-scheletrico

Le patologie ormai avvalorate scientificamente riguardano:

Tessuti ossei
Ritardi di consolidamento/pseudoartrosi
Necrosi asettica testa omero/femore
Fratture da stress
Algoneurodistrofia

Patologie dei tessuti molli:
Condrocalcinosi gomito, anca, ginocchio
Rigidità articolare spalla/gomito/anca/gin.
Calcificazione e ossificazione
Miositi ossificanti
Fibromatosi di muscoli, legamenti, fasce

Tendinopatie dei tessuti molli
Tendinopatia calcifica di spalla
Epicondilite laterale di gomito
Tendinite trocanterica
Tendinite della zampa d’oca
Tendinite post-traumatica di ginocchio
Tendinite del rotuleo
Tendinite del tendine d’Achille
Fascite plantare con sperone calcaneale

Le controindicazioni alla terapia con onde d’urto

– infezione acuta dei tessuti molli/ossa
– malattie primarie perniciose
– epifisiolisi nel punto focale
– malattie della coagulazione del sangue
– gravidanza
– pazienti con pacemaker
– tessuto polmonare nel punto focale
– cervello, midollo spinale, grandi nervi nel punto focale (neurocranio, colonna vertebrale, costole)

 

Le indicazioni terapeutiche sull’apparato muscolo-scheletrico

Le patologie ormai avvalorate scientificamente riguardano:

Tessuti ossei
Ritardi di consolidamento/pseudoartrosi
Necrosi asettica testa omero/femore
Fratture da stress
Algoneurodistrofia

Patologie dei tessuti molli:
Condrocalcinosi gomito, anca, ginocchio
Rigidità articolare spalla/gomito/anca/gin.
Calcificazione e ossificazione
Miositi ossificanti
Fibromatosi di muscoli, legamenti, fasce

Tendinopatie dei tessuti molli
Tendinopatia calcifica di spalla
Epicondilite laterale di gomito
Tendinite trocanterica
Tendinite della zampa d’oca
Tendinite post-traumatica di ginocchio
Tendinite del rotuleo
Tendinite del tendine d’Achille
Fascite plantare con sperone calcaneale

 

Le indicazioni terapeutiche in altre branche

In Urologia nella Calcolosi Renale e nella Induratio Penis Plastica

Nell’ambito della  Chirurgia nella Calcolosi Biliare

In Odontoiatria nel supporto agli impianti complessi
Nella Dermatologia e Chirurgia Plastica Ricostruttiva nelle ulcere cutanee

HOME

 

Da novembre parte la partnership col Gruppo Policlinico di Monza

Da novembre 2015 si avvia la partnership col Gruppo Policlinico di Monza. Presso la nostra sede a Pinerolo sarà possibile prenotare direttamente con esecuzione in giornata a prezzi molto competitivi:
– tac;
– risonanza magnetica;
– colonscopia;
– gastroscopia;
– lastre;
– densitometria ossea;
– cone beam;
… e molto altro ancora!

Gli esami verranno eseguiti presso la Clinica Pinna Pintor a soli 35 minuti da Pinerolo .

La radiologia della Clinica Pinna Pintor/ Gruppo Policlinico di Monza è gestita dalle equipe del  Prof. Paolo Fonio Città della Salute di Torino.

Per informazioni e prenotazioni tel 0121030435 sanlazzaromedica@libero.it

 

 

Attivazione centro di ozonoterapia da novembre tutti i lunedì

CENTRO DI OZONOTERAPIA

 

RESPONSABILE: Dott. Riccardo Milocco

 Trattamento dell’ernia del disco (tecnica paravertebrale con ozono).

ozonoterapia torino pinerolo

L’uso dell’ozonoterapia è un’opzione terapeutica che viene  consigliata per trattare le ernie del disco abbastanza contenute nelle quali le terapie conservative non hanno ottenuto gli effetti sperati, ma per le quali si ritiene che il ricorso all’intervento chirurgico  sia da considerarsi un’opzione terapeutica eccessiva.

L’ossigeno-ozonoterapia è ampiamente utilizzata nel trattamento delle discopatie

La metodica infatti svolge un ruolo importantissimo sia nel controllo dell’infiammazione sia nella riduzione del dolore che caratterizza questa patologia. L’effetto antalgico ed anti-infiammatorio della miscela di ossigeno-ozono è ottenuto grazie all’incremento dell’apporto ematico nella sede di lesione ed alla riduzione della produzione locale di sostanze infiammatorie ed alla stimolazione delle molecole adibite a contrastare l’infiammazione.

L’incremento del flusso sanguineo locale sarebbe inoltre in grado di ridurre l’entità della contrattura muscolare che spesso si riscontra nelle patologie discali.
Tutti questi effetti prodotti dall’ossigeno-ozono sono in grado di eliminare e risolvere, con una azione sinergica, la sintomatologia tipica delle discopatie.
 Inoltre l’ozono, essendo dotato di un marcato effetto antiossidante, reagisce con l’acqua, principale elemento del nucleo polposo, contribuendo così a ridurre il volume dell’ernia.
Per questi motivi si può affermare che la metodica costituisce una valida alternativa ai classici metodi terapeutici sia conservativi (trattamenti farmacologici con anti-infiammatori e cortisonici) che chirurgici.

Rispetto ai trattamenti farmacologici con anti-infiammatori e cortisonici, comunemente impiegati come prima scelta, l’ossigeno-ozono presenta alcuni vantaggi quali:

– assenza di effetti collaterali di rilevanza clinica
– assenza di tossicità
– assenza di reazioni allergiche
– rapidità d’azione e di beneficio clinico
– ridotta invasività in quanto non viene alterata l’anatomia e l’equilibrio biomeccanico della colonna
– ottima tollerabilità e buona accettazione da parte del paziente
– compatibilità della metodica con altre soluzioni terapeutiche con le quali frequentemente svolge un’azione sinergica come con la terapia riabilitativa.
L’ossigeno-ozonoterapia con la tecnica paravertebrale classica (metodica più utilizzata) prevede l’iniezione di piccole dosi di miscela gassosa nella muscolatura paravertebrale in corrispondenza dello spazio discale interessato, mediante l’utilizzo di aghi sottili che rendono la metodica ben tollerata.
Il ciclo di ossigeno-ozonoterapia paravertebrale prevede in genere una decina di sedute.
Le infiltrazioni si eseguono in ambito ambulatoriale con vantaggio per i pazienti che non devono interrompere l’attività lavorativa.
Al termine del trattamento, risolta la sintomatologia dolorosa, per consolidare il risultato e diminuire il rischio di ricadute è opportuno associare una terapia riabilitativa.
E’ essenziale inoltre modificare lo stile di vita cercando di eliminare tutti i fattori di rischio correlati a questa patologia, in particolare: l’eccesso ponderale, la sedentarietà, l’esecuzione di sforzi eccessivi e l’assunzione di scorrette posture.

 

Seduta: 60  €

HOME